Oggi si trovano in vendita nelle fiere di paese e nei luna park, preparati da commercianti ambulanti, sul momento. Ma una volta, i Brigidini si facevano in casa, utilizzando le classiche piastre in ferro, con le facce decorate con lo stemma della famiglia o il tipico Giglio Fiorentino. Piastre pesantissime, che andavano poste a scaldare sulla cucina economica.

Anche la nostra famiglia aveva le sue piastre, tramandate..." />

  • STORIE DI PIATTI E TERRITORI
  • STORIE DI PIATTI E TERRITORI
  • STORIE DI PIATTI E TERRITORI
  • STORIE DI PIATTI E TERRITORI
  • STORIE DI PIATTI E TERRITORI
di cecialiann Food Lover

I Brigidini

i-brigidini

I "Brigidini" sono un tipico dolce toscano (o un "trastullo" come lo chiama Pellegrino Artusi nel suo famoso libro) di origine antiche, preparati con pochi e semplici ingredienti e dall'inconfondibile sapore di anice.

Oggi si trovano in vendita nelle fiere di paese e nei luna park, preparati da commercianti ambulanti, sul momento. Ma una volta, i Brigidini si facevano in casa, utilizzando le classiche piastre in ferro, con le facce decorate con lo stemma della famiglia o il tipico Giglio Fiorentino. Piastre pesantissime, che andavano poste a scaldare sulla cucina economica.

Anche la nostra famiglia aveva le sue piastre, tramandate di generazione in generazione, con il simbolo distintivo e in occasione delle feste tutti si adoperavano per produrre questi fantastici quanto semplici dolci da offrire agli invitati o regalare.

Mi ricordo di quando ero piccola e la mia bis nonna preparava i brigidini; la casa si riempiva di un profumo da far girare la testa e io non resistevo a "rubarne" qualcuno appena cotto; erano troppo irresistibili!

Cucinare i brigidini con le piastre di una volta era un vero "lavoro" che richiedeva anche una certa prestanza fisica, a causa del peso notevole delle stesse; e per questo motivo tutta la famiglia veniva coinvolta: le donne preparavano l'impasto e gli uomini erano addetti a girare le piastre sul fuoco! Un vero lavoro di squadra!!!

Come da tradizione, le piastre della mia bis-nonna sono state tramandate da madre a figlia e così sono arrivate a me.

Così quando, un pò di nostalgia mi assale e mi viene voglia di ricordare i profumi e sapori di una volta, rispolvero queste piastre e preparo i brigidini per la mia famiglia! Chiudo gli occhi, annuso l'aria e riscopro lo stesso profumo di quando ero bambina.

E' come se tornassi indietro nel tempo.

Ingredienti

2 uova, 110 gr di zucchero, 100 gr di farina, 10 gr di anice in semi, 2 cucchiai di olio

Mescolare in una ciotola di metallo tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Il composto deve essere abbastanza liquido ma non troppo.

Far scaldare bene le piastre sul fuoco ed ungeterle con un po' d'olio o burro. Con un cucchiaio prendere un po' del composto e metteterlo fra le due piastre; chiudere lepiastre e pressare bene.

Mantenete sul fuoco per circa 30 secondi. Controllare la cottura alzando leggermente la piastra: devono essere ben dorati.

Ogni due/tre brigidini girare la piastra in modo che entrambe le facce rimangano sempre calde.

Commenti

Nessun Commento
Scrivi il primo